Usa, l’NHTSA denuncia: “Società di noleggio ignorano campagne di richiamo”

Abbiamo più volte discusso delle campagne di richiamo dell’NHTSA, ossia l’autorità federale statunitense che si occupa della sicurezza stradale. Questo ente è molto severo e avvia campagne di ricerca per scoprire eventuali disfunzioni nelle vetture. Spesso capita che le aziende automobilisticano scoprano i problemi autonomamente, ma nella maggior parte dei casi è l’ente per la sicurezza nelle strade americane che scopre queste disfunzioni, magari su segnalazioni degli stessi cittadini americani. Nei giorni scorsi c’è stata una polemica a distanza fra l’Nhtsa e le associazioni di autonoleggio: il contendere di questa polemica è dovuto proprio alle campagne di richiamo. Infatti l’autorità federale statunitense per la sicurezza stradale ha denunciato che alcune società di autonoleggio americane, continuino ad usare nel loro parco auto, vetture che sono state oggetto di campagne di richiamo. Cosa succede: il costruttore dell’auto invia la lettera al possessore dell’auto, in questo caso la società di autonoleggio, che dovrebbe portare a revisionare ed in seguito a sistemare il problema che ha portato a questa campagna di richiamo. Secondo l’NHTSA questo non avviene, a discapito della sicurezza dei cittadini che si trovano a noleggiare quella vettura: tutto infatti è nato da alcuni incidenti, attribuibili a vetture in fase di campagna di richiamo. Le società di noleggio si difendono spiegando che le comunicazioni dalle aziende automobilistiche arrivano con molto ritardo, ma è chiaro che non sempre si tratta di un problema di comunicazione.

Pietro Gugliotta