Toyota richiama in Europa 1,8 milioni di vetture

Toyota ha da poco annunciato un richiamo di 1,8 milioni di autovetture in tutta Europa per un difetto al pedale dell’acceleratore. Per lo stesso difetto la casa giapponese ha già richiamato 2,3 milioni di auto negli USA.

I richiami della Toyota riguardano in particolare le Aygo prodotte tra febbraio 2005 e agosto 2009; le IQ prodotte tra novembre 2008 e novembre 2009; le Yaris prodotte tra novembre 2005 e settembre 2009; le Auris da ottobre 2006 al 5 gennaio 2010; le Corolla prodotte tra ottobre 2006 a dicembre 2009; le Verso da febbraio 2009 al 5 gennaio 2010; le Avensis da novembre 2008 a dicembre 2009; le RAV4 prodotte tra novembre 2005 a novembre 2009.

[ad]

Il problema sembra essere piuttosto raro, ma nel caso si presenti può essere molto pericoloso. Potrebbe addirittura aver provocato 19 morti negli Stati Uniti, ma sono dati da confermare. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration molti automobilisti alla guida di Toyota hanno avuto problemi di improvvise accelerazioni. Un problema che ha portato l’azienda giapponese a rispondere davanti al Congresso degli Stati Uniti. Entro un mese i dirigenti della Toyota dovranno spiegare come è potuto avvenire un errore così grave.

Non avverrà nessuna interruzione per quanto riguarda la produzione e le vendite; infatti Toyota ha già provveduto ad introdurre gli accorgimenti necessari per evitare di montare sui veicoli pezzi difettati. La casa costruttrice vuole risolvere il grave problema nel minor tempo possibile, annunciando di voler comunicare i dettagli del richiamo direttamente ai proprietari delle auto difettate. Dall’Europa sono già state raccolte ben 26 segnalazioni del grave difetto.

”Comprendiamo che questa situazione stia creando preoccupazioni e ne siamo profondamente rammaricati” ha detto il presidente e CEO di Toyota Motor Europe, Tadashi Arashima, spiegando inoltre che è già stato individuato il rimedio al problema.

About Redazione 292 Articoli
Articoli scritti a più mani dalla redazione di Motoeauto.eu