La seconda generazione del Volkswagen Touareg

Arriva la seconda generazione della spot utility della casa tedesca, il Volkswagen Touareg 2010. Il SUV è arricchito da nuovi dettagli estetici, ma anche dalla riduzione dei consumi e delle emissioni.

Il frontale si presenta con una inedita griglia e dei nuovi gruppi ottici. L’interno dell’abitacolo offre sedili ancora più confortevoli della precedente versione, migliorata anche l’abitabilità e la dotazione di accessori tecnologici. E’ disponibile ad esempio un ampio schermo touch screen da 6,5 pollici accompagnato da un caricatore CD da 6 posti e dal navigatore GPS. Le finiture degli interni sono in radica.

[ad]

Tra le motorizzazioni è prevista una versione ibrida, composta da un motore V6 TSI sovralimentato da 333 CV di potenza accoppiato ad un motore elettrico da 47 CV, con quindi una potenza totale di 380 cavalli. Le prestazioni sono eccellenti, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,5 secondi e con velocità massima di 240 km/h. Il propulsore è abbinato ad un cambio automatico a 8 rapporti. Le altre motorizzazioni disponibili sono un 3,6 litri a benzina V6 FSI da 280 cavalli e due motorizzazioni diesel; un V6 da 240 cavalli e il nuovo 4,2 litri V8 da 340 cavalli. Tutte le versione hanno a disposizione la trazione integrale. Inoltre per la versione 4Motion è presente un differenziale Torsen a slittamento limitato ed una calibrazione ad hoc per il sistema ABS, EDS e ASR. La casa tedesca dichiara che il Touareg è in grado di scalare salite fino a 31 gradi.

Per i clienti ancora più esigenti per la guida fuoristrada per la versione V6 TDI è disponibile il pacchetto Terrain Tech che invece del differenziale Torsen offre uno schema di trazione denominato 4XMotion, ovvero riduzione dei rapporti, taratura diversa del differenziale e cinque diverse modalità di settaggi di guida. Tutto questo permette di scalare salite fino a 45 gradi.

La nuova Volkswagen Touareg 2010 arriverà nelle concessionarie ad aprile.

About Redazione 292 Articoli
Articoli scritti a più mani dalla redazione di Motoeauto.eu