La Saab passa alla Spyker Cars

E’ stato raggiunto l’accordo tra le due case costruttrici, e la Spyker annuncia ufficialmente l’acquisto della Saab da General Motors. La casa non sarà più quindi svedese ma olandese, con il nome post fusione che sarà Saab Spyker Automobilies.

[ad]

In base agli accordi per l’acquisizione della Saab, la casa olandese dovrà pagare alla General Motors 47 milioni di dollari in contanti più 326 milioni di dollari in azioni privilegiate del nuovo gruppo che nascerà dalla fusione dell’acquisto. La Spyker prevede quindi di quotare alle borse di Londra e Stoccolma la nuova società.

Tutta l’operazione non sembra possibile da una casa che produce 100 esemplari all’anno, ma la Banca Europea ha approvato un prestito da 400 milioni di euro per gli investimenti garantito da Stoccolma. L’accordo con GM è arrivato dopo lunghe ed estenuanti trattative, dato che la General Motors pur di limitare le perdite era disposta anche a chiudere definitivamente la Saab in assenza di un compratore.

Spyker crede di poter ricostruire un marchio importante nel settore, ed oltre alla produzione della Saab 9-5 berlina e della Saab 9-4X crossover prevede lo sviluppo di un nuovo modello 9-3 ed di una eventuale Saab 9-1.

La Spyker Cars arriva da un altro grande cambiamento, ovvero il trasferimento lo scorso mese della produzione della supercar Aileron da Zeewolde in Olanda in un nuovo impianto presso la britannica CPP Manufacturing Limited, dove la vettura verrà costruita al ritmo di 5 esemplari alla settimana, impiegando 40 nuovi assunti.

Victor Muller definisce l’operazione “tappa storica nella storia dell’azienda. La decisione è giustificata dal fatto che CPP ha da sempre prodotto i pannelli delle carrozzerie delle auto sportive Spyker e che la fabbricazione in Inghilterra, da cui provengono oltre il 50% dei pezzi con cui è costruita ogni Aileron, servirà a ridurre i costi del processo produttivo”.

About Redazione 294 Articoli
Articoli scritti a più mani dalla redazione di Motoeauto.eu