La Fiat vuole aprire un impianto in Russia?

L’idea che la Fiat possa espandere i propri orizzonti all’estero non è nuova: infatti dopo la voce che voleva l’azienda del Lingotto arrivare negli Stati Uniti con una sede ufficiale della società, adesso le ultime indiscrezioni vorrebbero una apertura verso la Russia. Infatti la Fiat dovrebbe avviare un importante investimento sul suolo russo per un nuovo impianto. La Fiat aprirà uno stabilimento in Russia? Sembra proprio così, perchè le voci sono molto dettagliate. Infatti il Lingotto dovrebbe investire circa 1.6 miliardi di euro, per un impianto in Russia che possa produrre 300.000 autovetture all’anno. La Fiat sembra aver già riscontrato buoni segnali dalla banca statale russa (VEB) e dalla EBRD (European Bank for Reconstruction and Development) le due banche che dovrebbero concedere un finanziamento per questa operazione. L’idea della Fiat è quella di entrare pesantemente nel mercato dell’auto della Russia, ci aveva già provato qualche tempo fa proponendo una alleanza alla Sollers, ma il progetto non andò in porto, adesso l’azienda torinese ha deciso di chiedere al Ministero dello Sviluppo Economico russo la concessione per la costruzione  di uno stabilimento autonomo. Sergio Marchionne, a.d. Fiat, ha confermato il progetto di una espansione in Russia, ma non ha escluso un possibile nuovo tentativo con un’altra azienda automobilistica russa per una partnership.

Pietro Gugliotta