Honda con problemi all’airbag

La famosa affidabilità delle auto giapponesi sta attraversando un brutto periodo. Dopo il maxi richiamo della Toyota questa volta tocca alla Honda richiamare 430 mila auto per problemi relativi agli airbag. Con questo richiamo il numero dei ritiri sale a 950 mila da novembre 2008. Sono gli stessi giapponesi a dichiarare che nel mese di febbraio 12 conducenti hanno avuto gravi problemi, e tra questi c’è stata anche una vittima. Il problema è infatti l’airbag del conducente, che si apre con troppo violenza, provocando più danni che benefici.

[ad]

Il problema riguarderebbe principalmente Accord, Civic, Odyssey, CR-V e alcune Acura TI, prodotte tra il 2001 e il 2002 e quasi tutte vendute sul mercato americano. L’ultimo richiamo della Honda è avvenuto a fine gennaio, quando si trovò un difetto all’impianto dei finestrini elettrici che poteva provocare incendi.

Nel frattempo negli Stati Uniti c’è l’authority che vigila sulla sicurezza dei trasporti che sta valutando se aprire un’inchiesta formale sui difetti allo sterzo delle vetture Toyota Corolla, una delle più vendute in America. La Toyota sta affrontando in questo periodo un richiamo di più di 8 milioni di autovetture, che comprendono soprattutto le vetture ibride che avrebbero un problema con i freni. Oltre al danno che si aggira attorno ai 2 miliardi di euro c’è anche una dura presa di posizione del governo nipponico, che tramite il Ministro dei Trasporti, Seiji Maehara, fa sapere che il presidente Toyota, Akio Toyoda, dovrà dare delle spiegazioni al Congresso Americano. D’altro canto l’ambasciatore USA ha dichiarato che la questione Toyota “in nessun modo può avere alcun effetto diretto o indiretto sulla solidità delle relazioni bilaterali tra gli Stati Uniti”. A Tokyo resta comunque la preoccupazione degli effetti che questi richiami potranno avere sul mercato, anche perché la produzione di automobili vale il 10% del PIL nipponico.

About Redazione 294 Articoli
Articoli scritti a più mani dalla redazione di Motoeauto.eu