Google, ecco l’auto senza pilota salva vita

Chi ha visto il film “Io, Robot” diretto da Alex Proyas ricorderà come il protagonista interpretato da Will Smith fosse solito farsi trasportare da una comoda Audi fornita di un valido auto-pilota. Google sta lavorando affinché la cosa diventi presto realtà, magari entro i prossimi 20 anni.

È attualmente in progetto presso gli studi di Mountain View la Driveless Car, una Toyota Prius sviluppata appositamente affinché i comandi di guida non vengano affidati come di consueto ad un normale pilota in carne ed ossa, ma ad un sofisticato sistema robotizzato comandato da un computer avanzato.

Il docente di robotica dell’Università di Stanford Sebastian Thrun, spiega che l’obiettivo del progetto Driveless Car è quello di ridurre sensibilmente gli incidenti mortali che ogni anno si portano via un sacco di vite innocenti, stimando che in questo modo si potranno salvare circa 1 milione di vite all’anno.

Proprio Thrun all’età di 18 anni perse un caro amico per un incidente stradale, e anche per questo si dice sicuro che l’utilizzo di sistemi automatizzati per la guida delle autovetture potrà essere davvero il futuro del settore non solo per migliorare la sicurezza dei passeggeri, ma anche il traffico che sarebbe reso più scorrevole e “piacevole” e l’impatto sull’ambiente, poiché il sistema sarebbe progettato anche per garantire un consistente risparmio di carburante.

Al momento, le Prius senza pilota sono riuscite a percorrere oltre 140.000 miglia senza particolari problemi, ma è ancora presto per capire se in futuro la figura dell’automobilista sarà destinata a passare nella storia o la Driveless Car resterà solo un progetto nobile ma impossibile da realizzare su vasta scala.

Giovanni Ferlazzo