Francia, giro di vite contro gli incidenti

Gli incidenti stradali sono in netto aumento in Europa: in particolare in Francia, si è riscontrato un tasso di aumento degli incidenti superiore al 20%. Lo conferma l’Asaps, l’associazione degli amici della Polizia Stradale, che ha riportato i dati raccolti in francia del Comitato Interministeriale della Sicurezza Stradale Francese. L’idea dei francesi per arginare questo fenomeno è molto semplice e drastica: proporre nuove norme, per un giro di vite sugli incidenti stradali. Una tattica aggressiva che potrebbe funzionare e che potrebbe anche essere presa ad esempio in Italia. Infatti in Francia si sta pensando di inasprire le pene, in particolare contro gli eccessi di velocità, l’uso del telefonino e su una pratica che in Italia non è ancora illegale, ossia la segnalazione della presenza di autovelox. Si va da importanti aumenti sulle multe, fino ad addirittura il rischio di una pena carceraria, in caso di recidività del reato. Dunque niente più telefonate alla guida, niente sms o internet, che costeranno tre punti della patente, chi supera il limite di velocità di almeno 50 km/h rischia una multa minima di 1.500 euro, oltre la decurtazione di ben sei punti (su un massimo di 12) dalla patente. Provvedimenti di tolleranza zero dunque, che probabilmente riusciranno a frenare l’irruenza e la maleducazione degli automobilisti d’oltralpe e che potrebbero essere molto utili se approvati anche in Italia.

Pietro Gugliotta