Fiat, è calo delle vendite in Brasile: in vetta c’è la Volkswagen

I dati del mercato dell’auto in Italia sono stati negativi, la Fiat però è riuscita a sorridere grazie ai risultati positivi di Lancia e Alfa Romeo. Ma il gruppo Fiat prende un’altra sonora lezione all’estero. Stavolta in un mercato, dove fino a qualche mese fa, la Fiat era fra le potenze più importanti: il Brasile. Infatti nel paese sudamericano, il gruppo Fiat riusciva ad ottenere ottimi risultati in termini di vendite di autovetture, riuscendo ad imporsi su altre potenze mondiali. Fiat infatti è da nove anni il primo costruttore per numero di vendite in Brasile, un record molto importante messo a repentaglio dai dati della Fenabrave, la federazione brasiliana del settore auto. Secondo la Fenabrave, i primi giorni di agosto hanno visto un aumento delle immatricolazioni in Brasile, aumento stimato all’1.7%, con 107.567 auto vendute. Nonostante questa crescita, la Fiat ha fatto segnare un dato negativo: da inizio anno ad oggi, l’azienda del Lingotto ha mostrato una flessione nelle immatricolazioni, pari al -4.4%. Grazie a questa flessione, la Fiat perde terreno nella quota di mercato in Brasile, scendendo al 22.35%. Sale al primo posto nelle immatricolazioni, nel paese sudamericano, la Volkswagen, che nel 2011 è salita al 24.53%. Nonostante questa flessione, i vertici Fiat restano molto ottimisti sul mercato dell’auto in Brasile: presto verranno completati i lavori per una nuova fabbrica, che si affiancherà a quella di Minas Gerais che già produce 800.000 auto.

Pietro Gugliotta