Cuba: liberalizzata la compravendita di auto straniere

L’embargo che aveva bloccato tantissimi anni fa l’importazione di vetture straniere a Cuba è stato cancellato dal Governo de L’Avana in questi giorni. Una notizia molto importante: il governo di Raul Castro ha annunciato infatti in occasione dell’ultimo Congresso del Partito Comunista Cubano, una serie di misure che riguardato il settore economico, delle vere e proprie riforme. Una di queste riguarda il settore dell’auto: dopo 50 anni è stata liberalizzata la compravendita di autovetture, fra cittadini cubani ed anche fra i residenti stranieri. E’ una misura molto importante, seppur con le sue restrizioni: infatti Castro ha confermato che la liberalizzazione non sarà totale. La compravendità infatti è regolata da alcune norme, come l’autorizzazione ad acquistare vetture straniere solo per alcune categorie professionali. Altra restrizione riguarda il costro: le vetture che hanno meno di 5 anni non possono essere vendute a meno di 40.800 pesos, mentre se ha un’età fra 5 e 15 anni non potrà essere venduta a meno di 20.400 pesos, mentre per le auto con più di 15 anni il prezzo non dovrà essere inferiore a 10.200 pesos. Dunque finalmente – è il caso di dirlo – Cuba potrà rifare un vero e proprio parco auto: infatti l’attuale è costituito da vetture d’epoca, possiamo definirle così. Auto americane arrivate fino agli anni ’50, prima che l’embargo chiudesse le frontiere e impedisse l’arrivo di nuove vetture.

Pietro Gugliotta