Consiglio dei Ministri: “Niente tassa sul cinema, nuova tassa sui carburanti”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto, che reintegra il Fondo Unico per lo Spettacolo, il cosidetto FUS. Cosa c’entra questo col mondo dei motori? Apparentemente niente. In teoria il FUS doveva essere eliminato ed al suo posto sarebbe stata integrata una tassa di 1 euro su ogni biglietto del cinema. Apriti cielo: polemiche dal mondo dello spettacolo e da tutti i cittadini che non avrebbero voluto questo rincaro. Ma qui entra in ballo il mondo dei motori: in qualche modo questi soldi dovranno essere reperiti da un’altra fonte, e la fonte scelta del Governo sembra quella dei carburanti. Infatti il Consiglio dei Ministri ha approvato una nuova accisa sui carburanti, una tassa di 1 o 2 centesimi. Ancora una volta viene introdotta una nuova accisa sui carburanti per ottenere nuovi fondi o per far fronte ad emergenze. E’ sicuramente un metodo non piacevole per tutti gli automobilisti, che già fanno fronte a numerose spese per l’autovettura, e che in queste settimane, complice la situazione in Libia, hanno visto salire il prezzo della benzina e del gasolio a livelli veramente record. Ecco la lista delle accise attualmente presenti nel prezzo dei carburanti in Italia:
1,90 lire: finanziamento della guerra di Etiopia del 1935
14 lire: finanziamento della crisi di Suez del 1956
10 lire: finanziamento del disastro del Vajont del 1963
10 lire: finanziamento dell’alluvione di Firenze del 1966
10 lire: finanziamento del terremoto del Belice del 1968
99 lire: finanziamento del terremoto del Friuli del 1976
75 lire: finanziamento del terremoto dell’Irpinia del 1980
205 lire: finanziamento della guerra del Libano del 1983
22 lire: finanziamento della missione delle Nazioni Unite in Bosnia Erzegovina del 1996
0,020 euro: rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004

Pietro Gugliotta