Caro carburanti, con l’aumento dell’IVA aumentano benzina e diesel

La decisione di aumentare l’IVA dal 20 al 21% ha portato aumenti inevitabili in tantissime categorie di prodotti e servizi. Non è stata esclusa da questa tornata di aumenti la categoria dei carburanti. Ancora una volta cresce il prezzo dei carburanti e sfiora vette mai raggiunte fino ad ora: l’aumento dell’IVA al 21% fa crescere il prezzo della benzina verde di 1.4 cent al litro, mentre il diesel aumenta di 1.3 cent al litro, aumenti anche per il Gpl che cresce di 0.5 centesimi al litro. Le rilevazioni sono state effettuate da Quotidiano Energia, da sempre molto attento alle modifiche dei prezzi dei carburanti. C’è chi però ha approfittato della situazione per modificare il prezzo ulteriormente, così in alcuni distributori del sud Italia, il prezzo della verde ha sfiorato 1.7 euro al litro. I responsabili di alcune associazioni a tutela dei consumatori, assicurano che alcuni benzinai hanno fatto i “furbetti”, aumentando sì i prezzi per l’aumento dell’IVA, ma arrotondando maggiormente i prezzi dei carburanti. “Il duplice rialzo dell’accisa sui carburanti e dell’Iva rischia di tradursi in una spesa di 173 euro in più a nucleo all’anno. Ci sarà un’ulteriore contrazione dei consumi, con effetti negativi sulla produzione industriale e sull’economia” spiegano dall’Adiconsum. I titolari dei distributori di carburanti contestano questa accusa, spiegando che l’aumento dell’IVA e delle accise diminuisce il consumo di carburanti.

Pietro Gugliotta