Benzina, firmato protocollo: ecco le novità

E’ stato da poco siglato un protocollo di lavoro fra il Ministero dello Sviluppo Economico, petrolieri e gestori impianti di rifornimento per la riforma della rete di distribuzione dei carburanti. Ecco tutte le novità:

Prezzo settimanale senza millesimi. Verranno eliminati i millesimi, con un arrotondamento ai centesimi. Il prezzo potrà essere scendere ogni volta che le compagnie vorranno, ma potrà essere aumentato una sola volta a settimana.

Meno impianti con indennizzi. In tre anni, verrà ridotto il numero di impianti, dagli attuali 24.000 a 15.000-16.000, sul modello della Germania. Per chiudere verranno previsti dei risarcimenti ai gestori, utilizzando il fondo indennizzi, alimentato con lo stesso meccanismo della cassa integrazione. Inoltre ci sarà un netto aumento degli impianti self service, che dovrebbero raddoppiare entro un anno.

Osservatorio della doppia velocità. Verrà istituita una commissione presso il ministero e affidata alla supervisione di Mr Prezzi per far emergere la questione della doppia velocità e verificarne l’esistenza o meno.

Orari più lunghi e vendita prodotti “non oil”. Due le idee: aumentare l’orario di apertura degli impianti e la possibilità che in questi impianti si possano vendere prodotti non necessariamente collegati alla benzina, per entrambe le opportunità ci sarà da discutere con le Regioni, che hanno la competenza in materia. Inoltre il governo punta a adottare semplificare l’iter per l’apertura di un impianto a gas e a facilitare l’utilizzo per l’acquisto di carburante di carte prepagate senza commissione, ma su questo punto è chiaro che bisogna trovare un accordo con l’Abi.