Anas, “Tutor” in arrivo anche sulle strade statali

Sulle Strade Statali (SS) Romea, Aurelia e Domiziana dovrebbe arrivare nelle prossime settimane la presenza del “Tutor“. Cos’è il Tutor? Alcuni cartelli stradali avvisano la presenza del controllo elettronico della velocità con sistema Tutor. In progetto, avviato da Autostrade per l’Italia nel 2004, è stato concordato fra Polizia Stradale e le Associazioni dei Consumatori, ed è stato messo in funzione il 23 dicembre 2005.  Cosa realizza di preciso il Tutor? In poche parole, questo strumento misura la velocità media su un determinato tratto stradale.
Ecco il comunicato dell’Anas, apparso sul sito ufficiale :
E’ stato aggiudicato in via provvisoria alla `Società Autostrade per l`Italia` l’appalto per la sperimentazione di un sistema di rilevazione della velocità media, adeguato alla diversa conformazione delle strade statali rispetto alle autostrade e inquadrato all`interno di un più ampio piano di sicurezza che coinvolga attivamente anche gli utenti”.
Sempre sul sito dell’Anas sono riportate le parole del Presidente Pietro Ciucci: “L’Anas ha tra i suoi compiti istituzionali anche quello della ricerca di soluzioni in grado di elevare i livelli di sicurezza della rete viaria di propria competenza. L’utilizzo del tutor è finalizzato alla riduzione della incidentalità, mediante l’acquisizione ed archiviazione dei dati relativi alla velocità media dei veicoli, alla verifica delle eventuali violazioni, ed alla raccolta dei dati di traffico”. La società spiega inoltre che è previsto che la sperimentazione parta entro 180 giorni dalla stipula del contratto, con una durata di 540 giorni. Sull’idea di portare il “Tutor” su tutte le strade italiane, Ciucci ha voluto chiarire. “L’estensione a tutta la rete stradale del tutor di seconda generazione sarà programmata successivamente sulla base dei risultati della sperimentazione stessa”.