Carburanti, sabato scatta il nuovo aumento

benzinaDopo un lungo periodo piuttosto tranquillo, tornano le brutte notizie per gli automobilisti. Sabato 1 marzo infatti parte una nuova ondata di rincari per il prezzo dei carburanti: benzina e diesel infatti costeranno di più. L’aumento è stato calcolato in 0.24 cent al litro per la benzina, mentre il diesel aumenterà di 0.34 cent al litro. Dunque nuove accise che gonfieranno il prezzo dei carburanti: l’aumento è dovuto ad una norma introdotta nel mese di agosto, all’interno della finanziaria. Con questo aggravio, verranno finanziate alcune voci del decreto del Fare, come la nuova legge Sabatini. Secondo la Cgia di Mestre, l’aumento inciderà per 13 euro nelle famiglie con una auto a benzina, mentre per le auto diesel l’aumento sarà di 17 euro annui. Non si è fatta attendere la protesta delle associazioni dei consumatori, in testa il Codacons. “Si tratta di una misura di politica economica vecchia come il cucco, che ci aspettiamo sia annullata dal Governo Renzi. E’ ora di finirla di considerare gli automobilisti come polli da spennare e cominciare a tassare nel rispetto del criterio della capacità contributiva. Peraltro il gettito previsto per questa misura è talmente basso che certo non ne risentiranno le casse dello Stato” si legge in una nota del Codacons. Appare però difficile che possa esserci un retrofont: c’è davvero poco tempo prima che l’aumento sia attivo. L’aumento delle accise per i carburanti resterà attivo fino al 31 dicembre 2014.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.